Portone blindato, tutto quello che dobbiamo scoprire prima dell’acquisto

PORTONE BLINDATO, TUTTO QUELLO CHE DOBBIAMO SCOPRIRE PRIMA DELL’ACQUISTO

Molto spesso quando ci trasferiamo all’interno di una nuova abitazione, dopo aver completato tutta l’operazione di trasloco, tendiamo a focalizzarci subito sull’arredamento dell’ambiente e sul suo design, cercando di renderlo quanto più confortevole ed adatto alle nostre esigenze. Una scelta comprensibile e giusta, che però ci porta involontariamente a dimenticarci di altri elementi molto importanti della nuova abitazione, tra cui il portone.

Ci limitiamo a tenere il portone lasciatoci dal vecchio proprietario, a discapito della nostra sicurezza. Una dimenticanza che può costarci caro, sopratutto in un periodo caratterizzato dal continuo aumento di furti in case e appartamenti.

Perché acquistare un portone blindato conviene davvero

Come probabilmente avrete già capito dal titolo, oggi vogliamo parlarvi dei portoni blindati, che sono davvero capaci di fare la differenza sotto il punto di vista della sicurezza.

Il portone blindato nasce proprio con lo scopo di proteggere l’abitazione, sia da intrusioni indesiderate, che dall’inquinamento acustico e dalla dispersione energetica.

Ovviamente non tutti i portoni blindati sono uguali, bensì vengono suddivisi in specifiche categorie e gradi.

Il grado ci indica la capacità del portone di resistere alle intrusioni, più il grado scelto sarà alto, più il portone sarà dotato di sistemi di sicurezza efficaci e all’avanguardia.

Ma non limitiamoci a due righe confuse, andiamo ad approfondire il tutto dalla A alla Z!

Portone blindato, gradi e sicurezza

Come vi abbiamo appena accennato, ad ogni portone blindato viene attribuito uno specifico grado indicante la sua capacità di resistere ad intrusioni ed effrazioni.

Molta attenzione però, in quanto non facciamo riferimento solo al classico scasso da ladri alle prime armi nel cuore della notte; bensì portiamo alla vostra attenzione anche lo scassinamento con trapano e altri utensili.

Inutile sottolineare che una porta normale non è in alcun modo capace di resistere ad un colpo di trapano, e qualora noi fossimo lontani da casa, tutti i nostri beni verrebbero spazzati via in un secondo.

Tornando però a noi, i primi portoni blindati, non a caso anche i più economici, sono quelli di grado 1 e 2.

Questi ultimi non solo risultano carenti dal punto di vista della sicurezza, ma offrono anche pochissima protezione dall’inquinamento acustico esterno e dagli spifferi di corrente.

Si rivelano adatti per lo più a tutti quegli edifici che sono già dotati di elevati sistemi di sicurezza primaria, come telecamere, guardie notturne o sensori di movimento.

Successivamente troviamo i portoni blindati di grado 3 e 4, molto più efficaci rispetto ai precedenti, un’ottima scelta per i privati cittadini, sopratutto se l’abitazione si trova in un luogo isolato dal centro della città o se la zona è particolarmente nota per furti e delinquenza.

Scegliendo i gradi tre e quattro, molto spesso definite anche come “classi”, avremo la certezza di essere totalmente protetti dalla maggior parte degli utensili utilizzati per l’intrusione nelle case e potremo veramente dormire sogni tranquilli.

Infine, all’ultimo posto ma sicuramente non per importanza, troviamo i gradi di sicurezza 5 e 6. I portoni blindati di grado, o classe che dir si voglia, 5 e 6 sono adottati dalle banche e dalle ambasciate.

Questi ultimi non solo risultano inscalfibili da qualsiasi tipo di attrezzo, ma anche resistenti agli esplosivi.

Nel nostro caso sono una misura sicuramente eccessiva, oltre difficile da trovare in un normale negozio.

A meno che non custodiate un prezioso uovo fabergè in casa, potete tranquillamente affidarvi ad un portone blindato di classe 3 o 4.

Durevolezza e sistema interno

Prima di concludere questo esaustivo articolo sui portoni blindati, è nostro dovere fare anche un cenno sulla durevolezza e sul sistema interno adottato dai produttori.

Un portone blindato di classe 3 o 4 non solo resiste perfettamente alle intemperie, al fuoco e agli urti, ma conserverà un aspetto estetico impeccabile per anni ed anni.

La vita media di un portone blindato è stimata a 20 anni, nonostante nelle abitazioni possiamo facilmente imbatterci in esemplari con 30 o 40 anni di efficiente servizio alle spalle.

Come sono fatti all’interno? La serratura non adotta i classici cilindri europei, bensì ospitano ingranaggi con trappole antieffrazione e cilindri certificati anti-bumping.

Il tutto viene accompagnato da defender anti-trapano, che renderanno lo strumento completamente inefficace.

Barbara Togni

Collaboratrice dal 1997 di un noto gruppo immobiliare a livello nazionale, ne esco amministratore di filiale nel 2001 per aprire un’agenzia tutta mia che chiudo, per motivi famigliari, uniti alla crisi del settore, a fine 2012. Nel 2017 decido di rimettermi in gioco mettendo tutta la mia esperienza di agente immobiliare a servizio di coloro che cercano consigli in questo campo, dando vita a questo blog che si occupa della casa a 360 gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.