FIDEIUSSIONE BANCARIA O ASSICURATIVA?

La fidejussione è una garanzia che può essere richiesta dal locatore al momento in cui affitta un immobile.  Come abbiamo visto in questo mio precedente articolo deposito cauzionale o fidejussione, la crisi economica che ha colpito il nostro paese ha messo in difficoltà tante famiglie che non riuscivano a pagare il canone di affitto. Per questo motivo molti proprietari hanno iniziato a chiedere una fidejussione a garanzia dei canoni.

La fidejussione può essere bancaria o assicurativa, oggi vediamo le differenze fra le due.

Le parti che intervengono in una fidejussione

In un contratto di fidejussione le parti che intervengono sono tre:

  • proprietario ( creditore)
  • inquilino (debitore)
  • garante ( banca o assicurazione)

Differenze fra bancaria e assicurativa

  • tempi di rilascio: brevissimi (1-4 giorni) per quella assicurativa, 2-4 settimane per quella bancaria
  • iter: più snello per la fideiussione assicurativa la documentazione richiesta è inferiore rispetto a quella bancaria e di facile reperibilità, più articolato e accurato quello bancario
  • costi: ridotti per quella assicurative, 1-5% sull’importo da garantire per  quella bancaria
  • capitali immobilizzati: non vengono richiesti dalla compagnia assicurativa, mentre potrebbero essere richieste somme immobilizzate o titoli a garanzia da parte della banca

Fideiussione bancaria

Come abbiamo visto nello specchietto sopra i tempi e l’iter per la fideiussione bancaria sono più lunghi rispetto a quella assicurativa. Questo è dovuto al fatto che la banca, prima di rilasciare la garanzia verifica la condizione economico-finanziaria del richiedente e verifica che non sia un cattivo pagatore.

N.B. Con la fidejussione bancaria il locatore non corre nessun rischio di non percepire canoni di affitto e la possibilità ( se contemplata nella fidejussione stessa ) di essere risarcito di eventuali danni all’immobile

Fidejussione assicurativa

Altro non è che una polizza assicurativa a copertura dell’affitto.

La documentazione richiesta si limita ai documenti di riconoscimento, ultime buste paga e cud o modello 730 e la procedura è molto più snella perchè non effettua particolari controlli.

Il costo è nettamente inferiore rispetto a quella bancaria

N.B. Essendo una polizza assicurativa, se il premio non viene pagato la garanzia decade (questo comporta un rischio per il proprietario perché se l’inquilino smette di pagare l’assicurazione lui perde la garanzia)

Clausole indispensabile

Che si opti per una fidejussione bancaria o assicurativa, è bene accertarsi che contenga alcune clausole:

  • Escussione in tal caso la banca farà rivalsa sull’inquilino per le spese sostenute e non le tratterrà dalla somma che spetta al proprietario
  • Durata del contratto è importante inserirla per non correre il rischio di rimanere scoperti per un certo periodo.
  • Massimale: l’importo massimo coperto dalla garanzia
  • Garanzia a prima richiesta questo consente al proprietario di incassare subito gli affitti non percepiti senza dover aspettare una sentenza del tribunale.

Conclusioni

Due forme di garanzia diverse, con costi e tempi diversi, personalmente mi sentirei più tutelata con quella bancaria, ma come abbiamo visto tempi e costi la rendono non fruibile da tutti.

Anche per oggi è tutto, spero che l’argomento sia stato di vostro interesse.

Rimango a vostra disposizione per ulteriori informazioni o chiarimenti, potete contattarmi qui oppure lasciare un messaggio nel box qui sotto. Inoltre se avete degli argomenti che vi piacerebbe che io trattassi nei miei articoli potete segnalarmeli e sarà mia cura svilupparli nel più breve tempo possibile.

Continuate a seguirmi anche sulla mia pagina facebook e condividete i miei articoli per dar modo ad altri di leggerli. Grazie!

 

Facebook Comments

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.