COME ARREDARE UNA CAMERA PER I BAMBINI, DAL LETTO ALLE PARETI

COME ARREDARE UNA CAMERA PER I BAMBINI, DAL LETTO ALLE PARETI

Arredare ed organizzare una cameretta per i bambini, all’apparenza, potrebbe sembrare complicato. Tuttavia, se si organizzano bene gli spazi e si fa una scelta accurata dei pezzi necessari nell’arredo è possibile ottenere un effetto estetico gradevole e non caotico, senza rinunciare alla funzionalità. È fondamentale, inoltre, coinvolgere i bambini nella scelta della propria stanza: non bisogna dimenticarsi che sono loro a doverci passare la maggior parte del tempo! È importante selezionare ciò che si vuole acquistare e porli dinanzi a delle opzioni in modo da indirizzare la loro scelta, oppure spiegare quali sono i criteri per una scelta in linea con il progetto che si ha in mente.

Come scegliere il letto

Il letto è senza dubbio una delle componenti fondamentali nella stanzetta di ogni bambino, per questo occorre riflettere bene sul modello da acquistare. È necessario scegliere un letto che sia molto resistente, perché i bambini, a volte, giocano sul proprio letto anche saltandoci sopra. Proprio per questo, sono da preferirsi i modelli realizzati in materiali come il legno massello, rigorosamente tinteggiato con vernici atossiche per garantire una salubrità dell’ambiente. Inoltre, bisogna optare per modelli stabili e confortevoli, in modo da consentire un sonno ottimale per i più piccoli durante la notte oppure il sonnellino pomeridiano. La scelta del modello del letto, invece, dipende dallo spazio della cameretta e dal numero di bambini che devono starci. In caso di un solo bambino, la soluzione migliore appare sicuramente il letto singolo, mentre se la stanza è per due persone oppure si vuole pensare eventualmente ad amici che il bambino vorrà invitare a casa è preferibile un letto a castello, in modo da risparmiare spazio, in quanto si tratta di una struttura contenente due letti, uno sopra all’altro, uniti da una scala. Alcuni letti a castello, inoltre, sono adatti addirittura a tre bambini, nascondendo un terzo letto a scomparsa. In questo modo, lo spazio della cameretta viene ottimizzato ed è possibile adibirlo ad altri scopi, inserendo altri mobili oppure giochi. Una volta scelto il letto è fondamentale anche optare per un adeguato materasso, altrettanto sicuro e resistente, in modo da far sì che il bambino si svegli riposato dopo aver dormito e senza fastidiosi dolori alla schiena.

Arredi e complementi d’arredo

Per quanto riguarda tutti gli altri complementi d’arredo e mobili della stanza, è bene scegliere degli elementi a misura di bambino. Infatti, occorre stimolare l’autonomia dei più piccoli e renderli consapevoli di come utilizzare al meglio i propri spazi. Inoltre, mobili troppo alti, potrebbero essere pericolosi in quanto il bambino potrebbe aver voglia di prendere qualcosa posizionato in alto, e dunque arrampicarsi sul mobile stesso. Eventuali oggetti che potrebbero rompersi, vanno tenuti assolutamente fuori dalla stanza dei bambini. Ma quali sono i mobili indispensabili in una cameretta? Ovviamente una scrivania, che deve essere abbastanza grande da permettere al bambino di studiare in comodità, posizionare i suoi molteplici quaderni ed oggetti, ed eventualmente un computer; una cassa per permettere al bambino di organizzare e riporre i propri giocattoli, degli scaffali o un mobile a ripiani per il materiale scolastico, degli armadi resistenti alle molteplici aperture e dipinti in vernice atossica per gli abiti.

Colore delle pareti

Scegliere la tonalità delle pareti non è semplice. Spesso, si tende a optare per rosa e lilla per le femmine, e azzurro oppure blu per i maschi; tuttavia, bisogna sdoganare queste associazioni e capire quale può essere il colore migliore delle pareti per trasmettere relax e tranquillità ai bambini. Ad esempio, il verde, che è il colore della natura, ispira tranquillità ricordando un bosco rigoglioso, e si presta perfettamente alle zone di sonno. Il giallo, invece, è il colore del sole, dell’energia, stimola la creatività, l’armonia, ed è perfetto per una cameretta con angolo studio. Sono da evitarsi, invece, i colori troppo forti come il rosso, perché potrebbero suscitare sensazioni negative e di paura e non conciliare il sonno. Anche il bianco potrebbe essere una soluzione, specialmente nelle stanze piccole, perché potrebbe conferire una sensazione di pulito, ordine, apertura e luminosità ma in questo caso bisogna prestare attenzione perché i bambini tendono a macchiare e scarabocchiare le pareti. In questo caso, potrebbe essere utile anche inserire una grande lavagna e spiegare ai bambini che possono liberare lì la loro creatività.

Barbara Togni

Collaboratrice dal 1997 di un noto gruppo immobiliare a livello nazionale, ne esco amministratore di filiale nel 2001 per aprire un’agenzia tutta mia che chiudo, per motivi famigliari, uniti alla crisi del settore, a fine 2012. Nel 2017 decido di rimettermi in gioco mettendo tutta la mia esperienza di agente immobiliare a servizio di coloro che cercano consigli in questo campo, dando vita a questo blog che si occupa della casa a 360 gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.