come traslocare in sicurezza

COME TRASLOCARE IN SICUREZZA

Il momento di traslocare per muoversi in una diversa abitazione viene spesso identificato come un incubo, che prima è lontano sulla linea dell’orizzonte e poi si avvicina pian piano, ingigantendosi a dismisura. Certo, il timore di fare un tuffo nel caos – lungo diverse settimane – è forte, ma seguendo alcune indicazioni e sfruttando la tecnologia spostarsi in un altro appartamento diventerà più semplice e sarà meno traumatico.

Traslocare in sicurezza, senza dimenticare proprio nulla ed evitando di rompere cose alle quali si tiene perché cimeli di famiglia, è un obiettivo ambizioso ma raggiungibile.

Tra i passaggi essenziali ai quali si deve prestare particolare attenzione c’è in primis l’imballaggio – stanza per stanza – di ogni cosa. Inoltre, per essere sicuri di non sbagliare e soprattutto per non fare le cose di fretta mettendo a rischio la sicurezza, sarà meglio programmare il trasloco con largo anticipo e step by step.

Nel momento in cui fisicamente verranno spostati gli scatoloni e tutto il resto dalla ditta, bisognerà studiare al meglio il tragitto da compiere così da evitare dossi, buche e percorsi eccessivamente dissestati. Soprattutto bisognerà fare attenzione alle Ztl, per cui se per esempio volete traslocare a Lucca dovrete valutare anche questo dettaglio in merito agli orari migliori per farlo.

Progettare con largo anticipo il trasloco: i passaggi step by step

Abbiamo accennato all’importanza di muoversi per tempo, anticipandosi e organizzando gli spostamenti. Un paio di mesi prima del ‘giorno X’ bisognerà chiedere il necessario permesso per allontanarsi dal posto di lavoro, avvisando contestualmente anche il proprietario (in caso foste in affitto).

Poi, appena dopo, dovrete procurarvi gli scatoloni per l’imballaggio (per attutire gli urti vi serviranno gommapiuma ma anche carta da imballaggio oltre a corda e spago) assieme a una bella quantità di targhette adesive colorate. Queste ultime vi serviranno per suddividere stanza per stanza gli oggetti e non perdere la bussola.

Un mese prima si procede con il deposito mobili, per poi organizzare la documentazione necessaria al trasloco nella nuova casa. Prendete carta e penna per stilare una lista – da aggiornare continuamente – delle cose da fare.

Organizzare tutto tramite app è possibile e consente grandi risparmi di tempo, ma in corso d’opera sfruttate la carta per una maggior praticità.

Decluttering, progettazione 3D e carichi pesanti

Procedete con l’operazione di decluttering: fate una cernita, meglio se non siete soli per non commettere errori, di tutti quegli oggetti ma anche mobili e accessori che non vi seguiranno nel nuovo appartamento. Tra questi valutate cosa può essere regalato, cosa portato in un mercatino e cosa invece buttato o portato in discarica.

Iniziate da stanze ‘complesse’ come la cantina o la soffitta, per poi finire con situazioni meno stressanti come camere e armadi.

Le app per cellulare vi serviranno anche a monitorare in via 3D gli spazi a disposizione, con misurazioni che saranno utili per ricollocare ogni cosa al suo (nuovo) posto, evitando sprechi di centimetri.

Per traslocare in sicurezza, specie nel caso in cui abbiate necessità di procedere movimentando carichi importanti, sarà sempre meglio affidarsi a un team di specialisti evitando il fai da te.

Barbara Togni

in questo blog unisco due passioni, il mio passato da agente immobiliare, che oltre ad essere una professione per me era “passione pura”, con quella per la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.