IL LIBRETTO AL PORTATORE VA IN PENSIONE

Scompare il libretto al portatore, quello strumento di risparmio che ha accompagnato diverse generazioni.

Non so voi, ma in casa mia come nasceva un bambino la nonna correva ad aprirgli il librettino, postale o bancario non aveva importanza, ma il librettino era d’obbligo.

D’ora in poi occorrerà trovare una forma di risparmio diversa perché dal 31 dicembre tutti i libretti al portatore devono essere estinti e riconsegnati.

Se vi state chiedendo perché in un blog di informazioni immobiliari parlo dei libretti di risparmio al portatore ve lo dico subito.

Fino a qualche anno fa il deposito cauzionale dei contratti di locazione andava versato su libretto al portatore intestato al conduttore e consegnato nelle mani del locatore che lo teneva a garanzia di eventuali danni presenti nell’immobile al momento della riconsegna.

Per cui presumo che molti proprietari di immobili affittati abbiano in mano dei libretti di risparmio o deposito al portatore che devono essere estinti.

Oggi vediamo

  • Cosa sono i libretti al portatore?
  • Perché vanno estinti?
  • Come si deve fare?
  • Come tutelare il conduttore

Cosa sono i libretti al portatore?

I libretti di risparmio sono, come anzidetto, uno strumento di risparmio molto utilizzato sul quale vengono segnate tutte le operazioni (entrate ed uscite) interessi, spese di tenuta ecc.

Il libretto di risparmio ha la prerogativa che non può mai essere in passivo.

Esistono due tipi di libretto di risparmio, nominativo e al portatore.

La differenza fra i due sta nel fatto che, qualsiasi operazione sul libretto nominativo deve essere effettuata solo dal titolare del libretto, mentre per il libretto al portatore chiunque può fare versamenti o prelievi.

Perché vanno estinti?

Vanno estinti per adempiere a quanto stabilito dal decreto legislativo 90/2017 emanato il 25 maggio 2017 sull’antiriciclaggio.

Tale decreto stabiliva che a partire dal 4 luglio 2017 i libretti al portatore non potevano più essere emessi mentre quelli esistenti dovevano essere estinti entro il 31/12/2018.

Come fare?

Il 31 dicembre è alle porte.

Occorre andare in banca o in posta (dipende dal tipo di tipo di libretto che avete ) e scegliere fra una di queste tre possibilità:

  1. trasferire il denaro sul conto corrente
  2. ritirare la somma in contanti
  3. convertirlo in un libretto nominativo

Non può essere trasferito ad altre persone, come precisato dall’ Associazione bancaria italiana, “La norma vieta il trasferimento dei libretti al portatore, ma non l’operatività sullo stesso dall’avente diritto”.

Cosa vuol dire? Che il prelievo e l’estinzione del libretto possono essere fatti solo dall’intestatario del libretto stesso.

Un proprietario di immobile che ha un libretto al portatore, contenente il deposito cauzionale, a nome dell’ inquilino, deve entro fine anno contattare l’ inquilino e recarsi con lui in banca o in posta ed estinguere il libretto e farsi riconsegnare la somma del deposito.

Come tutelare il conduttore

Per tutelare l’inquilino, potete fare una scrittura privata in duplice copia da allegare al vecchio contratto.

Se non si estinguono

Si rischiano sanzioni amministrative.

Dal 1 gennaio 2019 i libretti di risparmio o deposito al portatore saranno ufficialmente fuorilegge, chi non lo estingue rischia una multa da 250 a 500 euro.

Conclusioni

Eccoci qua… anche per oggi è tutto, spero che l’argomento sia stato di vostro interesse.

Rimango a vostra disposizione per ulteriori informazioni o chiarimenti, potete contattarmi qui oppure lasciare un messaggio nel box qui sotto. Inoltre se avete degli argomenti che vi piacerebbe che io trattassi nei miei articoli potete segnalarmeli e sarà mia cura svilupparli nel più breve tempo possibile.

Continuate a seguirmi anche sulla mia pagina facebook e condividete i miei articoli per dar modo ad altri di leggerli. Grazie!

 

Facebook Comments

6 Comments

  • Come si può capire se un libretto è nominativo o al portatore? Devo controllare anche quello di mio figlio.

  • penso ci sia scritto sopra, ma nel dubbio ti consiglio di andare a sentire nella tua banca

  • silvia terracciano

    (11 Dicembre 2018 - 0:06)

    io ne avevo uno anni fa ma alla fine l’ho chiuso e la posta si è tenuta pure un sacco di soldi per estinguerlo, come al solito gli istituti fregano sempre. la tua guida è molto utile per chi ne ha ancora uno e lo deve chiudere entro fine anno

  • Per fortuna che non ho libretti al portatore, altrimenti da qui avrei avuto problemi! Cmq è un peccato che vadano in pensione, era carino anche come classico regalo dei nonni ai nipoti. Ora che si fa? contanti o un fondo? Mah… meglio regalare un viaggio 🙂

  • Non abbiamo mai usato questo libretto, ma spero che siano stati avvisati gli intestatari di chi li ha ancora oggi.

  • Devo informarmi se mia suocera ha un libretto di questo genere….. non ero a conoscenza di questa cosa….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.