SUGGERIMENTIMMOBILIARI NEWS 4 NOVEMBRE 2019

Buongiorno a tutti, eccomi qua!
Continua questa rubrica che vede ogni lunedì il giorno dedicato alla “rassegna stampa”. In questo spezio condivido con voi alcuni degli articoli a tema immobiliare letti in settimana su testate giornalistiche o su blog autorevoli.

Federnotai propone l’aliquota unica

Il sindacato dei notai propone all’attuale governo, che sta lavorando alacremente sulla manovra finanziaria, una comparazione fra iva ed imposta di registro nelle compravendite immobiliari.

Il governo sta lavorando su un aumento delle imposte ipotecarie e catastali, per la prima casa, da 50 a 150 euro.

I notai, da quanto si legge su questo articolo a firma di Saverio Fossati su il Sole24ore, propongono un’unificazione di aliquota tra l’imposta di registro ed iva per l’acquisto della prima casa e soppressione del minimo di mille euro previsto per l’imposta di registro, che grava soprattutto per le persone meno abbienti.

L’agenzia delle entrate informa

Con questa nota l’agenzia delle entrate ha reso noto che a partire dal 1 gennaio 2020, i tributi dovuti per aggiornare i registri immobiliari e il rilascio di certificati e copie (imposta e tasse ipotecarie, Bollo e sanzioni) dovranno essere versati con F24 elide e non più con F23

Mercato immobiliare

Brutte notizie! Da quanto si apprende da questo articolo sull’andamento immobiliare l’Italia rimane il fanalino di coda dell’Unione europea, infatti è ancora l’unico stato a segnare un leggero calo dei prezzi.

L’Ungheria per il primo semestre 2019 è il paese europeo che ha registrato la maggior crescita con un aumento dei prezzi del 14%.

Tasse 2020

Dovremmo essere alle battute finali della finanziaria 2020, attualmente è al vaglio delle camere poi dovrà essere approvata ed eventualmente modificata.

Ad oggi, come si legge su questo articolo di Money, pare scongiurato l’aumento della cedolare secca per i contratti a canone concordato che dovrebbe rimanere al 10%.

Confermata invece l’unificazione di IMU e Tasi in una nuova “Local tax” ed i Comuni saranno obbligati a calcolare loro stessi la nuova tassa ed a inviare il bollettino precompilato ai contribuenti.

Filiera immobiliare

Nonostante versi ancora in uno stato di crisi, il settore immobiliare rimane trainante per una buona parte dell’economia italiana.

Come si legge su il sole24ore la filiera immobiliare che va dalla progettazione alla vendita passando per la sua realizzazione, muove un fatturato di oltre 41 miliardi e da occupazione a ben 500 mila addetti.

Anche per oggi è tutto, spero che questa rubrica sia di vostro gradimento.

Continuate a seguirmi.

Comunicazione di servizio a testate giornalistiche, giornali on-line e siti di approfondimento. Se avete degli articoli da segnalarmi inviatemeli su info@suggerimentimmobiliari.it

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.