Detrazione fiscale per cancello elettrico 2020

DETRAZIONE FISCALE PER CANCELLO AUTOMATICO 2020

Volete sostituire o automatizzare il cancello di casa e vi state chiedendo se per questo sono previste detrazioni fiscali? Perfetto, siete nel posto giusto, oggi vediamo insieme di quali agevolazioni potete usufruire e come fare per ottenerle.

Automazione di un cancello elettrico: agevolazione fiscale del 50%

Il testo definitivo della legge di Bilancio 2020 è entrato in vigore dal 1° gennaio 2020 e ha stabilito la proroga di molte delle detrazione fiscali che riguardano i così detti “bonus casa”.

L’agevolazione fiscale sulla ristrutturazione edilizia comprende anche le spese sostenute per rendere più sicura la propria abitazione.

Quali sono le detrazioni fiscali previste dal Bonus Ristrutturazioni 2020?

Le detrazioni fiscali previste dal Bonus ristrutturazioni 2020 sono:

  • IRPEF 50% sulle spese sostenute con bonifico bancario o postale dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2020 con un limite massimo di 96,000 € per singola unità immobiare (prorigato al 31/12/2021)
  • IVA 10% sulle prestazioni di servizi relativi ad interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria realizzati sulle unità immobiliari abitative.

Da precisare che la detrazione viene ripartita in 10 rate annuali a partire dall’anno in cui è stata sostenuta la spesa.

Quali interventi relativi alla sicurezza dell’abitazione rientrano nel bonus?

Gli interventi finalizzati alla messa in sicurezza della casa rientranti nel bonus sono:

  • Installazione e sostituzione inferriate;
  • installazione vetri antisfondamento;
  • installazione sostituzione e rafforzamento di cancelli;
  • porte blindate o rinforzate;
  • installazione o sostituzione di serrature lucchetti catenacci spioncini;
  • installazione di saracinesche;
  • tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • casseforti a muro.

Noi vi Consigliamo un Fabbro a Milano azienda di Daniele Petruccelli attiva dal 1974 che offre servizio di pronto intervento urgente disponibile 7 giorni su 7 e 24 h su 24 h per apertura di porte blindate, serrature bloccate, portiere auto.

Chi sono i beneficiari della detrazione fiscale?

Beneficia dell’agevolazione fiscale chi sostiene la spesa, quindi i proprietari dell’immobile oggetto dell’agevolazione ma anche coloro che hanno diritto reale o di godimento sull’immobile. Vale a dire:

  • proprietari o nudi proprietari;
  • inquilino comodatario;
  • familiare convivente;
  • soci di cooperative divise e indivise;
  • imprenditori individuali per gli immobili non classificabili tra i beni strumentali o merce;
  • società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice, imprese familiari nelle stesse modalità previste per gli imprenditori individuali.

Cosa fare per ottenere il bonus?

Per avere diritto alla detrazione fiscale devi innanzitutto effettuare il pagamento e per alcuni interventi entro 90 gg dal termine dei lavori va inviata la comunicazione online all’ENEA.

I pagamenti devono essere tracciati pertanto devono essere effettuati tramite bonifico bancario o postale e devono riportare dei dati ben precisi:

  • la causale del versamento deve riportare il n. fattura;
  • il codice fiscale del debitore;
  • il codice fiscale/ p.IVA della ditta che ha eseguito i lavori.

Bonus casa 2020 – novità

La novità prevalente riguarda il “Bonus facciate”, ossia una detrazione del 90% in 10 anni, delle spese sostenute per il recupero delle facciate esterne degli edifici ubicati in Zona A ( centri storici) e in Zona B (totalmente o parzialmente edificata) ad esclusione delle case di campagna.

La novità prevalente introdotta con l’art. 1 comma 219 della manovra consiste nel “Bonus Facciate”, che consiste nella detrazione del 90% in 10 anni, delle spese sostenute per il recupero delle facciate esterne (interventi di manutenzione ordinaria).

Barbara Togni

Collaboratrice dal 1997 di un noto gruppo immobiliare a livello nazionale, ne esco amministratore di filiale nel 2001 per aprire un’agenzia tutta mia che chiudo, per motivi famigliari, uniti alla crisi del settore, a fine 2012. Nel 2017 decido di rimettermi in gioco mettendo tutta la mia esperienza di agente immobiliare a servizio di coloro che cercano consigli in questo campo, dando vita a questo blog che si occupa della casa a 360 gradi.

13 Comments

  • Buongiorno, tutto molto chiaro qua to letto, l unica cosa non chiara è:
    Siccome sul sito Enea non compare da nessuna parte “automazione cancello”, questa tipologia di lavoro và inserita o no sul portale? In tal caso sotto quale voce? Grazie

  • Per avere la detrazione del cancello automatico devo avere un progetto di ristrutturazione della casa o posso averlo direttamente presentando la sola fattura dei lavori al commercialista?

  • Giuseppe Ciofani

    (9 Gennaio 2021 - 13:57)

    Buongiorno,
    ho provveduto proprio ieri ad automatizzare un cancello già esistente: se ho capito bene potrò portare in detrazione l’importo della fattura senza dover adempiere ad alcuna formalità se non quella di provvedere al saldo tramite bonifico in cui riporterò:
    – il n. fattura;
    – il mio codice fiscale;
    – il codice fiscale/ p.IVA della ditta che ha eseguito i lavori.
    e poi conservare la documentazione per eventuali accertamenti. Giusto?
    Grazie per l’attenzione
    Cordiali saluti
    Giuseppe Ciofani

    • Buona sera Giuseppe,
      in linea di massima è così, ma non essendo io un fiscalista le consiglio prima di sentire con chi le fa la dichiarazione dei redditi.
      cordialmente Barbara

  • Giuseppe Ciofani

    (9 Gennaio 2021 - 16:01)

    Vorrei una conferma: la spesa per la “motorizzazione” di un cancello (fatta nel 2021) è detraibile?
    Ho già fatto una richiesta analoga ma ora non la vedo più sul Vs. portale.
    Grazie
    Cordiali saluti

  • Nell’articolo viene indicata la detrazione del 36% dal 1 gennaio 2021, ma è errato in quanto “il comma 58 della legge di bilancio 2021, modifica l’articolo 16 del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63, in materia di interventi di ristrutturazione edilizia, prorogando al 31 dicembre 2021 la misura della detrazione al 50 per cento, fino ad una spesa massima di 96.000 euro, per gli interventi di ristrutturazione edilizia indicati dall’articolo 16-bis, comma 1, del TUIR “

    • Grazie Alessandro, ha perfettamente ragione.
      L’articolo é stato pubblicato il 9 settembre scorso, quando ancora non si conoscevano i termini della finanziaria non si conoscevano. La ringrazio per la segnalazione , così colgo l’occasione per modificarlo subito. Grazie

  • Alessandro Chesti

    (19 Marzo 2021 - 19:47)

    Buonasera sig.ra Barbara,
    ma è sicuro che l’installazione/modifica/sostituzione/automazione/ecc ecc dei cancelli scala il 50%?

    Io avevo sentito che veniva considerato un elemento che fa parte della recinzione e quindi non scala niente, al massimo si può applicare l’iva ridotta al 10%.

    Grazie

    • L’agevolazione fiscale concessa a chi opera lavori di rifacimento, miglioramento ed elettrificazione del cancello elettrico consiste nella detrazione IRPEF del 50% delle spese sostenute, recuperabili in 10 anni.

  • Buongiorno, sto compilando la richiesta Enea per l’automazione del cancello ma non riesco a capire che “Tipo di intervento” selezionare. Potete aiutarmi?

    Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.